Baci al museo

Redazione

Baci al museo

- lunedì 12 Maggio 2014 - 08:58
Baci al museo

Un libro, un regista, un museo ed un cinema sono stati gli elementi necessari per la presentazione, avvenuta tra i quadri di Guttuso, del volume di Giuseppe Tornatore “Il collezionista di baci” stracolmo di illustrazioni tratte dalle locandine e dai manifesti cinematografici

 

di Andrea di Napoli

Il Museo d’Arte Contemporanea intitolato a Renato Guttuso ha la sua prestigiosa sede all’interno della settecentesca Villa Cattolica di Bagheria, ed è stata la prima e, a tutt’oggi ancora l’unica, istituzione museale ad avere proposto ai visitatori una sezione dedicata alla “Cartellonistica”, grazie alla collezione di manifesti cinematografici generosamente donati, circa dieci anni addietro, dal signor Filippo Lo Medico, il quale, per una sessantina di anni, ha gestito insieme ai fratelli diverse sale cinematografiche proprio a Bagheria. In passato le locandine dei film in programmazione non rappresentavano semplicemente le foto di scena, ma spesso erano autentici prodotti artistici di abili pittori e noti disegnatori come Capitani e  Martinati oltre che dello stesso Guttuso autore delletavole per “Riso amaro”, il film di Giuseppe De Santis del 1949, colorate con la caratteristica tecnica della guache

Fin da quando, nel 1989, il regista Giuseppe Tornatore vinse l’Oscar per il film “Nuovo Cinema Paradiso”, noto per l’emozionante scena finale nella quale, “su uno schermo nello schermo”, scorrono in sequenza tutte le scene in cui i protagonisti dei vecchi film si baciano, Lo Medico considerò l’opportunità di pubblicare un libro che mostrasse ai lettori più di duecento baci di scena tra celebri attori, tratti dalle oltre quattromila locandine cinematografiche in suo possesso. A distanza di venticinque anni proprio grazie al regista, autore delle pagine di testo, ha visto la luce lo splendido volume “Il collezionista di baci” che riscuoterà un sicuro successo editoriale.

Per i lettori ed i cinefili bagheresi, lo scorso 29 aprile, in una affollatissima sala del museo Guttuso, ha avuto luogo la presentazione del libro, nel corso della quale Peppuccio Tornatore ha raccontato alcuni significativi aneddoti relativi al rapporto tra il suo paese ed il Cinema, inteso come Arte, ma anche tra i suoi compaesani e il cinema, inteso come sala in cui si assiste alla proiezione.

Tra le autorità presenti all’incontro letterario-cinematografico il prefetto Fabio Carapezza Guttuso e il commissario straordinario del Comune di Bagheria dott.ssa Michela La Iacona oltre a vari notabili ed eruditi locali. La piacevole conversazione ha allietato tutti coloro che sono intervenuti per curiosità o per passione. Tuttavia le opere d’arte esposte hanno dovuto patire per più di un’ora un affollamento inconsueto, una illuminazione eccessiva ed il surriscaldamento della sala, rivelatasi, pertanto, poco adatta ad ospitare una manifestazione di così vasto richiamo.

Tra i più gustosi episodi raccontati dal regista “di casa”, quello che risale agli anni ’60, quando un film veniva proiettato in provincia almeno 40 giorni dopo rispetto alla città, e fa riferimento allo snobismo di quei bagheresi che davanti al cinema dicevano, in dialetto, «l’ho già visto a Palermo!».

Fino al 1985 i fratelli Lo Medico gestirono il cinema offrendo al loro pubblico anche la proiezione di pellicole d’autore e di significativi film impegnati. La qualcosa si rivelò educativa e contribuì a rendere perfino raffinato il gusto cinematografico dei bagheresi. Molto tempo prima che si diffondesse la recente consuetudine di applaudire al termine o addirittura durante la proiezione, nella sala dei Lo Medico spesso i presenti battevano le mani per le pellicole di Roman Polanski o dopo una “scena madre” di Gian Maria Volontè. Come ad un “cinema d’essai”, anzi, probabilmente con maggiore spontaneità.

“Il collezionista di baci” Ed.Mondadori Electa 2014, pag. 215, ill., rilegato. Prezzo di copertina € 22,00

 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta