Benessere in mare praticando l’apnea

Ambra Drago

Benessere in mare praticando l’apnea

- lunedì 26 Maggio 2014 - 09:00
Benessere in mare praticando l’apnea

L’Asd Apnea Palermo  è nata con l’intento di guidare gli amanti del mare e dell’attività subacquea

di Ambra Drago

 

Conosciuta e praticata  in tutto il mondo da Oriente ad Occidente, l’apnea si è evoluta nel tempo divenendo a tutti gli effetti una disciplina sportiva ma anche un’attività di tipo ludico, solo per il piacere di praticarla.

Spesso si è indotti a pensare che i benefici fisici arrivino solo praticando il nuoto, invece non è così, l’apnea può portare infatti dei risultati concreti di miglioramento dell’aspetto fisico e mentale.

Tra i risultati che chi pratica questo sport può toccare con mano vi è la consapevolezza di della propria forza e dei propri limiti in acqua, del corretto controllo della respirazione e dei cambiamenti fisiologici che l’immersione in mare senza respirare comporta.

Per provare queste emozioni, non bisogna mai improvvisare ma affidarsi a degli istruttori esperti, perché il mare può facilmente trasformarsi in una “trappola”. Con l’intento di guidare gli amanti del mare e dell’attività subacquea in particolare, è nata l’Asd Apnea Palermo, fondata nel maggio del 2011.

L’associazione  guidata da Giacomo Scalici, è regolarmente iscritta alla Fispas (Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee) inserita nell’albo del Coni, permettendo a chi svolge attività agonistica di partecipare alle gare nelle diverse regioni. I corsi sono contraddistinti da varie fasi di insegnamento: si parte dalla base dinamica (percorrenza subacquee orizzontali effettuate in acque delimitate ed in mare), poi quella statica (effettuata in posizione di decubito prono sulla superfice) ed infine quella in assetto costante (discese vericali attraverso un cavo guida in mare).

Gli appassionati di questa disciplina, potranno presto incontrarsi al consueto appuntamento  nell’isola di Ustica dal 13 al 15 giugno vivendo dei giorni all’insegna dello sport e del divertimento sia in piscina che in mare, dove la parola d’ordine rimane sempre “prudenza”.

 

 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta