A Natale, regala un libro Made in Sicily

Maria Grazia Sclafani

A Natale, regala un libro Made in Sicily

- mercoledì 14 Dicembre 2016 - 07:01

Un libro può davvero cambiarci la vita. Eccone alcuni perfetti per questo Natale...

Regalare un libro Made in Sicily è un dono sempre gradito, destinato a durare nel tempo

 

di  Maria Grazia Sclafani

Se letto, poi, nel momento giusto un libro può davvero cambiarci la vita e considerato come un vero e proprio farmaco. Ne sa qualcosa Sellerio che ripropone “Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno”. Si può curare il cuore spezzato con Emily Brontë e il mal d’amore con Fenoglio, l’arroganza con Jane Austen e il mal di testa con Hemingway, o ci si può concedere un massaggio con Murakami e scoprire il romanzo perfetto per alleviare la solitudine. Terapie romanzesche, antibiotici narrativi, medicamenti di carta e inchiostro, ideato e scritto da due argute e coltissime autrici inglesi e adattato per l’Italia da Fabio Stassi. Sempre di Sellerio editore, consigliamo per i più piccini, il libro illustrato “La volpe alla mangiatoia”. Una magica fiaba di Natale scritta dall’autrice di Mary Poppins, pubblicata nel 1962 e oggi riscoperta, per lettori di tutte le età.
Per le donne in cerca di ispirazione o incoraggiamento, consigliamo le “Le Mille. I primati delle donne” – Navarra edizioni- a cura di Ester Rizzo: un appassionante compendio che si prefigge di raccogliere in un’unica opere le vite e le vicende de le mille donne che per la prima volta hanno raggiunto un riconoscimento in un mondo dominato dagli uomini.anima-in-affitto
“Anima in affitto” di Valeria Randone- Leima Edizioni – è il libro indicato per chi a Natale vuole mettere insieme i pezzi di un cuore infranto e iniziare l’anno nuovo sotto una nuova luce. Con uno stile intimo e toccante, la Randone dà voce, in un racconto in prima persona, alle centinaia di donne, tradite o traditrici, che nel corso degli anni hanno trovato supporto nella terapia. Donne coraggiose o fragili, che sono riuscite a ricostruire la propria affettività, in cui tutti si possono specchiarsi.

Ammettere di essere fragili è un’occasione per scoprire la propria forza. Sembra un ossimoro ma non lo è per lo scrittore palermitano Alessandro D’Avenia che con “L’arte di essere fragili” – Mondadori edizioni – legge con occhi diversi Giacomo Leopardi. D’Avenia sottolinea aspetti e particolari che nessuno – o quasi – aveva mai evidenziato prima. Con la scusa di regalarlo ai più piccini, consigliamo di regalarvi “Harry Potter e la Maledizione dell’Erede –l’ultimo libro della saga del maghetto più famoso del mondo nato dalla penna di J.K. Rowling. Ritroviamo i nostri amati protagonisti ormai adulti ed ognuno con la propria famiglia. Harry Potter è padre di tre bambini ed il suo primogenito, Albus dovrà affrontare il suo primo anno ad Howards confrontandosi con una pesante eredità ed un oscuro segreto. Per un Natale pieno di magia e transgenerazionale.

Sempre viaggiando tra le generazioni, consigliamo “La tua presenza è come una citta”- Corrimano edizioni – di Ruska Jorjolian. Il nome russa, nasconde, invece, una scrittrice palermitana d’azione, come palermitanissima è la casa editrice che propone la sua opera. Saša è la voce narrante del libro, la voce di un bibliotecario che riecheggia delle mille voci custodite tra le pareti di libri. Una viaggio nella Russia fatta di pezzi di numerose mappe della Russia, con le cuciture ben visibili; il nome della Russia che per non morire si diffrange nei nomi di poeti russi, di posti russi, di oggetti russi. Un modo per viaggiare ad occhi aperti.

 

 

 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta