L’upcycling, l’arte del riutilizzo

Patrizia Romano

L’upcycling, l’arte del riutilizzo

- sabato 08 Febbraio 2020 - 07:04
L’upcycling, l’arte del riutilizzo

Trasformazione di un rifiuto in un nuovo oggetto, per mezzo della creatività. E' questa l'arte dell' upcycling. Una pratica di riutilizzo che, oltre a divertirci, ci darà la possibilità di contribuire alla lotta allo spreco. L'Inchiesta Sicilia vuole lanciare ai propri lettori una sfida: contribuire anche voi a questa lotta, inviandoci, per chi ne ha, naturalmente, esempi di upcycling. Le vostre esperienze, le vostre idee, le vostre creazioni verranno pubblicate. Allora. tutti pronti per la sfida? Vi aspettiamo con le vostre super fantasmagoriche idee di upcycling

L’upcycling. E’ proprio vero che nei momenti di maggiore difficoltà, l’uomo tende ad aguzzare l’ingegno. Se, poi, all’ingegno si aggiunge la creatività, le difficoltà si superano alla grande.
E’ proprio da questo, che nasce la tendenza, sempre più diffusa, all’upcycling, ossia, la trasformazione di un rifiuto in un nuovo oggetto, per mezzo della creatività. Trasformazione, che diventa un’arte vera e propria.
Quindi, dalla sopravvivenza all’arte, vogliamo proporvi una serie di brillanti esempi con tecniche zero waste e trasformazione creativa, trasportandovi all’interno delle vostre passioni, delle vostre aspirazioni e, perché no, pure del vostro talento nascosto.
Vi renderete conto quanto sia semplice dare nuova vita a vecchi oggetti sepolti negli angoli più reconditi dei cassetti o a materiale di vario genere destinato alla pattumiera.  Sarà, inoltre, un modo per contribuire, nel vostro piccolo, alla lotta agli sprechi.

La sfida de L’Inchiesta Sicilia

Ebbene, all’insegna di tutte queste cose, L’inchiesta Sicilia, da oggi, vuole lanciarvi una sfida: contribuire anche voi a questa lotta, inviandoci, per chi ne ha, naturalmente, esempi di upcycling.
Ci riferiamo alle più fantasmagoriche e originali, nonché alle più semplici e ovvie esperienze che avete maturato negli anni. Da quando, anche voi, vi siete lasciati prendere dalla febbre dell’upcycling.

Anche da una bottiglia di plastica può nascere un nuovo oggetto

Cos’è l’upcycling

Ma prima di accettare la sfida, chiariamoci bene le idee su cosa sia l’upcycling.
Anche se in Italia, rispetto al resto del mondo, il concetto di upcycling è ancora molto confuso, il vero significato del termine è trasformazione di un rifiuto in un nuovo oggetto, per mezzo della creatività.
Coniato per la prima volta nel 1984 dal giornalista Reiner Pilz, il concetto di upcycling è ben distinto dal più consolidato termine recycling che, invece, descrive un processo industriale di trasformazione del rifiuto.
L’upcycling può essere tranquillamente tradotto in ‘riuso creativo’, senza incorrere in errori, anzi rimanendo nelle righe della più corretta appropriazione terminologica.
Ricorrere al riuso creativo è facile, divertente ed è alla portata di tutti. Fantasia e manualità sono gli ingredienti base per degli ottimi risultati.

Effetti e benefici dell’upcycling

Questa  tecnica, pratica, arte o come dir si voglia, si ispira all’economia circolare, che prevede il riutilizzo delle risorse, dando una nuova funzione o un diverso utilizzo a oggetti già esistenti.
Praticarlo permette di ottenere benefici per l’ambiente e per sé stessi. Consente di risparmiare, di limitare l’accumulo di oggetti inutili, mantenendo gli spazi di casa liberi dal superfluo.
Poi, dando pieno sfogo alla creatività, riusciamo ad abbassare i livelli di stress, aumentando la stima in noi stessi.

La lattina dei pelati? Diamole una seconda possibilità….

Alcuni esempi di upcycling

Il papercutting

Il papercutting è uno dei trend creativi del momento. Consiste nell’intaglio di carta e cartoncino, mediante l’utilizzo di un taglierino bisturi. Questo ci aiuterà a creare composizioni e quadri originali.Con questa tecnica si possono realizzare un’infinità di disegni di carta che, al contrario del collage, sono composti da un unico foglio. In Cina sono dei grandi esperti in questa tecnica. Sembra proprio, addirittura, che per gli occhi a mandorla, la carta intagliata simboleggi fortuna e felicità.


Legatoria di recupero

Tradizioni molto più antiche ha la legatoria di recupero, che dà vita alla rilegatoria artigianale.  E’ una tecnica molto certosina già famosa in passato per la pazienza che richiede. Oggi, sta vivendo un momento di grande riscoperta.
Dalla carta straccia, come il pacco del sale, il biglietto scaduto, la locandina di un vecchio concerto, eccetera, possono venire fuori oggetti molto carini, notebook, agende e quaderni, diari, album, eccetera. Basta saperli rilegare con ago e filo.

Scrapbooking

Sempre dall’amore per la carta, nasce lo scrapbooking, è una tecnica di upcycling utile per conservare un ricordo in forma fotografica, contenuto in album decorati manualmente. E’un Hobby che nasce dall’amore per il mondo della Carta. Si può arricchire il proprio lavoro con ornamenti di vario tipo da aggiungere alla foto o al layout del disegno progettato.

Il Cardmaking

Alleato alle tecniche sopracitate e il cardmaking. Si tratta esattamente dell’arte di realizzare biglietti di auguri fatti a mano. Significa auguri veramente personalizzati.
Traduzione letterale: lavoro con le pezze. Consiste, esattamente, nel mettere insieme diverse tipologie di tessuto è creare principalmente quilt o trapunte molto articolate nei colori e nei tessuti. E’il patchwork, l’arte delle creazioni realizzate con le pezze da buttare via. Più riutilizzo di così?


Il découpage

Dal francese découper, che significa ritagliare, il découpage è una  tecnica per la decorazione di oggetti con ritagli carta o di illustrazioni che vengono prima incollati e poi ricoperti con diversi strati di vernice o lacca. Il découpage è veramente divertente e facile da realizzare. Inoltre, permette di decorare un’infinità impensabile di oggetti.

Uova decorate a decoupage


Il bijoux

Non immaginate quante cose straordinarie si riesce a realizzare nel campo del bijoux. Ogni sorta di monile, verosimile a preziosi reali, realizzati con pezzi di lattine, passamaneria, bottoni, perline, ingranaggi di orologi, tappi di bottiglia Tutti questi materiali vengono inglobati nella resina creando un effetto davvero particolare. 

L’upcycling nella maglia

Lavorare la maglia è sempre stata una passione anche per le nostre bis, bis, bis nonne. Ma per le lavoratrici più modeste, lavorare la lana sfilata da vecchi maglioni era una necessità più che una virtù. Oggi, per noi, può essere l’uno e l’altra.
Lo stesso discorso vale per l’uncinetto.

Ilrefashion

Un capo passato di moda, vecchio, obsoleto, anonimo, insignificante egoffo può diventare, in men che non si dica, un capo fresco, nuovo, giovane, alla moda e molto, molto fashion. Basta affidarsi al refashion. Combinazioni di stoffe, colori e trasparenze. Sovrapposizione di  fiocchi, bottoni, pizzi. Ed ecco che il gioco del refashion è fatto.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta