Carnevale, ogni costume vale!

Clara Di Palermo

Carnevale, ogni costume vale!

- venerdì 21 Febbraio 2020 - 07:05
Carnevale, ogni costume vale!

Il vestito di Carnevale possiamo anche farlo da noi, recuperando qualche abito rimasto in fondo all'armadio. Sarà sicuramente più originale. Vediamo come

Costumi di Carnevale pronti? Questo weekend sarà denso di eventi, feste, balli e giochi, non solo per i bambini. Il gusto del ballo in maschera coinvolge anche gli adulti che partecipano volentieri alle feste in uno sfoggio di costumi che va dallo storico al più fantasioso.
Il Carnevale, dal latino carnem levare, cioè eliminare la carne, dato che precede la Quaresima, ha un significato dal punto di vista religioso anche se ormai è diventato, per i più, solo una festa goliardica, l’occasione per mascherarsi e far baldoria. Dal punto di vista cattolico, proprio per la sua collocazione temporale che precede la Quaresima, e quindi al digiuno visto come purificazione, avrebbe dovuto essere un periodo deputato alla riflessione.
Lo sapevate che ai tempi dell’antica Roma il periodo di carnevale consentiva di invertire i ruoli sociali? Così accadeva che un servo potesse diventare padrone per un giorno e dare ordini al proprio padrone. Ma giusto per poche ore, poi si tornava ai consueti posti in società.
Dicevamo dei costumi, dunque.

Giovanni Vangelo

Dato che a noi non piacciono tanto quelli acquistati già pronti, tutti uguali e senza alcuna personalità, abbiamo fatto un salto in sartoria da Giovanni Vangelo. Vi ricordate del sarto/fashion designer che ci aveva dato massima disponibilità anche per proporre dei mini tutorial? Ebbene….potevamo non approfittarne? Giovanni Vangelo, oltre a occuparsi di sartoria tradizionale, realizza i costumi per i balli storici e lui stesso fa parte di una compagnia di danze storiche. Lo andiamo a trovare in sartoria dove i manichini ospitano alcuni abiti che fanno sognare, tra pizzi, merletti, crinoline, perché in tanti si sono rivolti lui per questo Carnevale. Vogliamo fargli alcune domande e chiedergli di dare qualche suggerimento.

L’abito possiamo crearlo noi

A Carnevale c’è la corsa al vestito originale. Si può fare da soli, in casa, un abito per mascherarsi? Anche se non si è molto esperti di cucito?
“Da sempre il carnevale è stato un momento dell’anno molto entusiasmante sia per i più piccoli che per i grandi. Penso che tutti ricordiamo mamme e nonne che, prima del carnevale, passavano giorni e notti sulle macchine per cucire a smontare e rimontare vecchi abiti per riportarli a nuova vita, trasformandoli in costumi di carnevale unici e originali. E alcune si cimentavano a confezionarli di sana pianta: le più esperte usando cartamodelli, le meno esperte prendevano come base capi già esistenti. Morale della favola: in qualsiasi modo si dava fondo alla fantasia per creare questo famoso costume di carnevale. Oggi possiamo trovarli ovunque centri commerciali, super market, negozi per giocattoli, ma molte volte non piacciono, magari perché non soddisfano al massimo aspettative e non esprimono personalità.
Quindi si ricorre al metodo più antico di tutti: il metodo fai da te, oppure si cercano i sarti e le sarte”.

Si può recuperare un vecchio abito

Lei consiglia di provare a cucirlo ex novo oppure recuperare un vecchio abito e modificarlo?
“Dipende dalle abilità individuali. In molti si cimentano in questo che sembra un’arduo compito, ma in realtà basta un poco di coraggio e inventiva, magari utilizzando un vecchio abito o un vestito che non si usa più. Bisogna osservarlo per bene per capire quali parti modificare.
Vi faccio un piccolo esempio: una cliente aveva un abito rosso che le avevo confezionato alcuni anni fa per una serata molto particolare. Dopo, l’abito restò a lungo nell’armadio, fino a quando la cliente mi chiese di trasformarlo per un ballo a tema, ambientato in epoca ottocentesca.
Le foto mostrano con chiarezza un abito lungo svasato con taglio in vita e la gonna si presenta con due balze sovrapposte che si aprono sul fianco”.


Come ha fatto tecnicamente le modifiche?
“Per prima cosa ho diviso la parte superiore dalla gonna, creando poi sul corpetto un taglio centrale dalla parte superiore al fondo del corpetto stesso, nel centro davanti.

Un particolare del corpetto

Facciamo le modifiche

“Ho marcato ancora di più la sagoma della vita; nella parte posteriore, quindi, ho modificato l’apertura togliendo la cerniera e applicando delle asole per creare una chiusura a stringhe. Nei fianchi come potete notare è stato aggiunto del pizzo per arricchirlo, lo stesso alla base del bustino dove ho creato la tipica punta che andava in voga in quel periodo”.

Il dietro dell’abito con le stringhe al posto della cerniera

“Per quanto riguarda le manichette, ho semplicemente aggiunto delle fasce in organza applicate. Se poi guardiamo la gonna, le due balze le ho leggermente spostate in modo da far risultare lo spacco nel centro davanti, drappeggiandole e arricchendo di merletto e fiori”.
Quanta gente si rivolge ancora in sartoria per realizzare il vestito di Carnevale?
“Beh…. nel mio caso in tanti mi fanno richieste simili, sia per il ballo storico, sia per il teatro che per il carnevale. Per me, forse, è frequente perché nell’ambiente del ballo storico mi conoscono.
In molti mi chiedono di realizzare costumi storici di sana pianta, esempio uno grigio perla, realizzato per una delle dame della compagnia di danza, in raso e merletto tulle e georgette”.

“Si tratta di un abito in due parti, bustino e gonnellone supportato da una crinolina. Il merletto è il tulle sono applicati sulla gonna formando delle balze. La parte superiore presenta il merletto su tutto il diametro dello scollo e della vita”.

Non dimentichiamo la storia

Ci sono indicazioni su come fare le modifiche, più o meno facili, per trasformare un abito?
“Occorre attenersi al periodo storico che si vuole rappresentare, non è importante se sono facili o difficili. Bisogna individuare il periodo storico e, di conseguenza, il modello dell’abito. Osservare bene i particolari e metterci una buona manualità”.
Per spiegare meglio cosa intende dire, Giovanni Vangelo ci regala un breve video esplicativo su come fare una ricerca attraverso i periodi storici e i vari stili di abbigliamento per individuare quello che più ci affascina e ci si addice, ma anche quello che più rispecchia la nostra personalità. Certamente, però, questi abiti ci regalano qualche attimo di magia….


Qualche indicazione per una ricerca storica per un costume

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta