Il risciacquo acido per avere sempre capelli splendidi e spendere poco

Associazione europea consumatori indipendenti

Il risciacquo acido per avere sempre capelli splendidi e spendere poco

- martedì 03 Marzo 2020 - 07:00
Il risciacquo acido per avere sempre capelli splendidi e spendere poco

Questo metodo è molto semplice e può essere realizzato con prodotti sempre presenti nelle nostre case.

Dopo l’articolo della scorsa settimana sullo shampoo da fare in casa, oggi vi spiegheremo come effettuare il risciacquo acido, dopo aver lavato i capelli con lo shampoo fai da te alla farina di ceci, per ripristinare il naturale ph del capello e per donare morbidezza e lucentezza alla chioma.
Questo metodo è molto semplice e, come promesso, può essere realizzato con prodotti sempre presenti nelle nostre case.
Stiamo parlando dell’aceto o in alternativa dell’acido citrico (facilmente reperibile al supermercato, nei negozi per pasticceri o nei negozi bio).
Basta diluire un cucchiaio di aceto in un litro di acqua ed effettuare l’ultimo risciacquo con questa soluzione oppure diluire sempre un cucchiaio di soluzione all’acido citrico in un litro d’acqua.

Risciacquo non inquinante

La soluzione all’acido citrico si ottiene sciogliendo 100 gr di acido citrico in 1 l di acqua.
Vi consigliamo di preparare in anticipo questa soluzione e, quando occorre, usarne un cucchiaio e versarlo in una bottiglia da un litro et voilà ….. il risciacquo acido è pronto!
Tenete presente che l’acido citrico è meno inquinante dell’aceto, per questa ragione è da preferire.
Un consiglio, se avete i capelli grassi, preparate un infuso con acqua e rosmarino e fate l’ultimo risciacquo con l’infuso e il citrico, noterete subito la differenza grazie alle sue proprietà sebo regolatrici.
Costo stimato annuo € 2.
Nel prossimo articolo parleremo di un meraviglioso balsamo-condizionatore 100% naturale, preparato con i semi di lino.

*Nicolaia Lo Piccolo, componente della Consulta legale dell’AIEC

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta