Il Saturday Grey di Antonello Tonna celebra 40 anni di carriera

Redazione

Il Saturday Grey di Antonello Tonna celebra 40 anni di carriera

- lunedì 19 Aprile 2021 - 09:05
Il Saturday Grey di Antonello Tonna celebra 40 anni di carriera

Il primo album del pianista Antonello Tonna, intitolato “Waves”, anticipato dal singolo “Saturday grey”, disponibile dal 19 aprile su tutte le piattaforme digitali. Un disco che celebra i 40 anni di carriera del maestro, il principe dei piano bar della Sicilia, conosciuto anche dalla stampa di tutto il mondo per essersi salvato, gettandosi in mare, durante il naufragio del 2012 della nave Concordia, dove lui suonava. Con Waves, Tonna vuole rendere omaggio ai grandi della musica dai Beatles ad Elton John fino a Billy Joel e lasciarli in eredità, nella sua versione, alle nuove generazioni

“Lo swing o ce l’hai o non ce l’hai”. È questo il segreto del successo del maestro Antonello Tonna, il re del piano bar. Un pianista che, da ben 40 anni, regala emozioni con la sua musica, che fonde insieme swing soul, jazz e bossa nova. Quel perfetto equilibrio tra improvvisazione, follia e creatività. Equilibrio, che ha dato vita al suo primo album, ”Waves”, onde. Le stesse che il maestro ha cavalcato sulle note del suo pianoforte. E che gli hanno salvato la vita in quel lontano naufragio della nave Concordia nel 2012, dove lui suonava.

Un omaggio ai grandi della musica

Un vero e proprio omaggio ai grandi della musica. Dai Beatles ad Elton John fino a Billy Joel, anticipato dal singolo inedito “Saturday grey”, disponibile su tutte le piattaforme digitali dal 19 aprile. Diciassette brani strumentali ri-arrangiati in modo personale. Lasciandosi guidare dall’istinto e “mettendo del suo”. Proprio come gli consigliava il padre da bambino, quando gli insegnò a muovere le dita sui tasti del pianoforte. E proprio a lui è dedicato l’album.

La storia di Waves

“Waves nasce in pieno lockdown – racconta il maestro Tonna – un momento surreale dove tutti eravamo chiusi in casa. Approfittando di questo tempo che mi era stato in qualche modo concesso, considerando che prima ero sempre in giro per suonare, ho pensato di dare forma a quei brani che per me rappresentano il meglio della musica internazionale. Un album strumentale, solo pianoforte, che giorno dopo giorno ha cominciato a scorrere sotto le mie dita, dolcemente, come un ruscello.


Waves, come le onde del mare

Ho scelto il titolo Waves perché per me le onde del mare, avendo suonato per tantissimi anni sulle navi da crociera, sono come la musica. Ogni onda è un’armonia composta da tante note, che creano movimento a volte lento, a volte veloce, ma comunque sempre accarezzevole. Le onde del mare e la musica hanno in comune la vita con colori e atmosfere tali da farci emozionare di continuo. La musica è la bellezza che ci salverà da questo momento buio”.

Lo stile inconfondibile del maestro

I brani sono arrangiati in versione intimista con lo stile unico e inconfondibile del maestro, tra swing, jazz e bossa nova. Per ogni brano ha aggiunto nuove armonie. “Con questo album voglio raccontare la storia di quei brani” evergreen”. Brani – continua Antonello Tonna – che tra 20 anni continueranno ad essere suonati come Let it be, Your song o When i fall i love. Voglio fare un regalo al pubblico, specie alle nuove generazioni che così potranno apprezzarle, nella mia versione”.


Il singolo “Saturday grey”

Saturday Grey

Ad anticipare l’album, il singolo “Saturday grey” unica composizione inedita, con la collaborazione del chitarrista Gianluca Rando. Scritto in un “grigio” pomeriggio di gennaio, racconta un viaggio verso orizzonti celestiali, dove si sente più forte la connessione con la natura e l’universo.

Il videoclip

Il videoclip del brano è stato registrato in uno dei luoghi più affascinanti della Sicilia, il porticciolo di Acicastello. Dominato dal castello con lo sfondo unico dei faraglioni di Acitrezza, per valorizzare le bellezze dell’isola.

I brani

Digipack Antonello Tonna

Questi i brani di Waves: “Here come the Sun” di George Harrison, “Libertango” di Astor Piazzolla,”Your Song” di Elton John e Bernie Taupin, “Just the way you are” di Billy Joel, “Summertime” e “The man i love” di George Gershwin, “I say a little prayer” di Burt Bacharach,​“Over the rainbow” di Harold Arlen e Yip Harburg, “Eleanor Rigby”, “Hey Jude” e “Let it be” di John Lennon e Paul Mc Cartney, “Wave- Corcovado- Agua de beber” di Antônio Carlos Jobim,“Nuovo cinema paradiso” di Ennio Morricone, “Chariots of fire” di Vangelis, “Greatest love of all” di Michael Masser e Linda Creed, “When i fall i love” di Edward Heyman e Victor Young. “Saturday grey” sarà disponibile da lunedì su apple music, spotify, itunes, amazon, youtube, tik tok, resso, deezer, shazam, tidal, kkbox, line music, napster, awa,saavn, claro-musica, kuack, anghami, iheartradio, mediante, slacker, 24-7, 7digital, yandex.music, inprodicon, united media agency, kdigital, netease cloud music,qobuz, tencent, boomplay, ungama, xiami music.

Collaborazioni

A collaborare alla realizzazione del disco Cristina Russo, Francesco Crisafulli per le foto, Davide Arona per la grafica. Equalizzazione musicale a cura di Carlo Longo con il supporto tecnico di Fabio Caltabiano Tutto Musica.net.

A cura di Elisa Petrillo

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta