“Ciurè”: il mondo lgbt raccontato da Matranga e Minafò

Federica Virga

“Ciurè”: il mondo lgbt raccontato da Matranga e Minafò

- lunedì 12 Luglio 2021 - 09:39

“Ciurè” al via le riprese del film in dialetto palermitano che racconta il mondo lgbt. Il lungometraggio vede Matranga e Minafò, per la prima volta, in una veste insolita

Il lungometraggio indipendente del regista Gianpiero Pumo vede per la prima volta Matranga e Minafò ad una produzione non comica. Si cercano comparse PALERMO -. Mentre la Sicilia è piena di talenti, loro sono pieni di idee. Dunque ciak, si gira.


Matranga e Minafò in versione non comica


Via alle riprese di Ciurè, il film dedicato alla tematica dell’omotransfobia che vede Matranga e Minafò, per la prima volta non in veste comica, dietro le quinte. I due attori palermitani, infatti, hanno raccolto la sfida e saranno i produttori (insieme a TNM Produzioni e Rebel Alliance – Compagnia del Marketing) del lungometraggio indipendente di genere drammatico che sarà girato interamente tra la periferia di Palermo e un night club. Il film è diretto dal regista esordiente Gianpiero Pumo. Volti contrastanti, cemento e paillettes per la prima produzione non comica firmata Sicilia Social Star di Matranga e Minafò.

Palermo sul set

Per quattro settimane, a partire dal 5 luglio, il capoluogo siciliano si trasformerà in un set a cielo aperto con un cast eccezionale che vede, tra gli altri, anche la partecipazione di Maurizio Bologna. Le riprese si terranno tra il centro storico, la periferia e le spiagge di Palermo e Terrasini e negli spazi interni del Convento Cabaret. Il film, che sarà distribuito in autunno, racconta la storia di uno spaccaossa per “necessità” che incontra sul suo cammino una ballerina transessuale. Due mondi, lontani e distanti fra loro, legati inesorabilmente: entrambi andranno alla ricerca di una via di uscita.

Un film tutto in dialetto

“Il film sarà recitato interamente in dialetto palermitano – spiegano Matranga e Minafò -. Per questo motivo sarà sottotitolato anche nella versione italiana. Il nostro target è però il mercato estero, sempre attento alle tematiche Lgbt, insieme ai grandi estival internazionali che apprezzano il cinema indipendente”. Un film palermitano dunque che però ha un sapore internazionale. “La tematica e lo stile di Ciurè portano subito ad un’idea festivaliera legata al panorama internazionale – proseguono i due attori -. Il sapore del film vuole essere quello apprezzato al Sundance, a Cannes o, ancora, alla Berlinale.

Obiettivo: festival

Il nostro obiettivo è quello di far partecipare Ciurè a questi festival prima di puntare alla sala o all’on demand. Anche il dialetto palermitano utilizzato senza paura, spesso stretto e sottotitolato, vuole dare un colore all’opera tanto apprezzabile a livello regionale quanto internazionale”.

Si cercano comparse

E intanto si cercano comparse. Il cast di attori professionisti, interamente palermitano per dare al film un linguaggio autentico e uniforme, si arricchirà di figure senza alcuna esperienza che, supportate da un acting coach, porteranno la loro vita reale all’interno del film. “Questo ci permetterà, soprattutto per il ruolo di Ciurè, di non cadere in alcuno stereotipo, ma di restituire una verità assoluta al personaggio” concludono Matranga e Minafò.

Per candidarsi è possibile mandare una mail a:
produzione.ciure@gmail.com

Ufficio Stampa
Federica Virga

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta