Amarcord… Corleone

Un ritorno al passato nel romanzo di Vincenzo Ruffino "Corleone - Quando i sogni nascevano in Piazza Soprana". L'autore, nativo di Corleone, ingegnere e dirigente d’azienda impegnato prevalentemente in progetti di sviluppo all'estero, ci fa scoprire con passione la vera anima dei corleonesi al di là delle generalizzazioni mediatiche che ne hanno offuscato l'identità

Salviamo i teatri privati

Riunite ai Cantieri Culturali alla Zisa molte compagnie teatrali private chiedono al Comune di rendere "colto" lo Spazio incolto degli stessi Cantieri, perché a Palermo i piccoli teatri possano riprendere l'attività, disponendo dello spazio necessario. L'allarme lanciato per salvare i teatri privati

Franco Scaldati, per non dimenticare

Acquisito dalla prestigiosa Fondazione Giorgio Cini di Venezia, l'archivio di Franco Scaldati ha provocato non poche reazioni. Nostra intervista esclusiva ai figli di Scaldati

Mirko Ingrassia, attore per caso

Mirko Ingrassia, laureato in giurisprudenza, non aveva mai pensato di lavorare nel mondo dello spettacolo. Da piccolo i suoi insegnanti lo rimproveravano perché anziché stare attento alla lezione passava il tempo a sognare. Non ha mai frequentato alcuna accademia di recitazione di quelle considerate “importanti” e riconosciute dal MIUR, poiché, per motivi lavorativi e personali non ne ha mai avuto l'occasione. Quel che sa di recitazione, lo deve, prima di tutto, a Mario Pupella e ai bravissimi attori con cui ha avuto l'occasione di lavorare

Sandra Zerilli: teatro tra energia e temperamento

Sandra Zerilli fa teatro per passione anche se come lavoro distribuisce corrispondenza. Formatasi al TEATES di Michele Perriera, ha raggiunto con i Pupella una maturità artistica che le consente di sprigionare sul palcoscenico tutta la sua energia 

Giuseppe Antonio Borgese, un grande siciliano dimenticato

Filosofo, accademico, scrittore, critico letterario, giornalista, ideologo, seppe rappresentare, nel contesto dei grandi avvenimenti storici del secolo scorso, l’identità frammentata dell’intellettuale moderno, sempre in bilico tra contestazione e ortodossia