Amat, Giunta autorizza 141 assunzioni temporanee

Amat, Giunta autorizza 141 assunzioni temporanee

- martedì 07 Luglio 2020 - 17:30
Amat, Giunta autorizza 141 assunzioni temporanee

L'Amministrazione comunale rappresentata dall'assessore Giusto Catania ha comunicato che nei prossimi giorni, con un atto di Giunta, sarà autorizzata l'assunzione a tempo determinato di 141 unità di personale

Nel corso dell’incontro avuto oggi pomeriggio in Prefettura, in merito
all’annunciata agitazione dei dipendenti dell’Amat, l’Amministrazione
comunale rappresentata dall’assessore Giusto Catania ha comunicato che
nei prossimi giorni, con un atto di Giunta, sarà autorizzata
l’assunzione a tempo determinato di 141 unità di personale, di cui 100
autisti e 41 operatori delle officine. Tutto ciò nelle more
dell’espletamento delle procedure concorsuali per le assunzioni a
tempo indeterminato.


Piano del fabbisogno del personale

Questa procedura si inserisce, integrandolo, nel Piano del fabbisogno
del personale che è parte integrante del piano di rilancio aziendale,
già approvato dalla Giunta nei mesi scorsi.

“Da parte della Giunta – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando –
con la collaborazione di tutti gli uffici competenti
dell’Amministrazione comunale, è stata individuata la soluzione per il
rilancio e la garanzia del servizio di trasporto pubblico in tempi
brevi, in attesa che le assunzioni definitive definiscano la struttura
operativa dell’azienda”.

Con le assunzioni, l’Azienda sarà operativa

“Prevediamo che, nelle prossime settimane, l’Azienda con queste
assunzioni torni ad essere pienamente operativa  – ha affermato
l’assessore Giusto Catania – ma soprattutto è importante che Amat sia
pronta alla riapertura delle scuole a garantire un adeguato numero di
corse,  uscendo definitivamente così dal periodo di rallentamento
operativo imposto dall’emergenza Covid”.

“Un importante segnale di attenzione nei confronti dell’Azienda Amat –
secondo il presidente Michele Cimino – sempre più strategica nella
missione per la mobilità sostenibile”.

Antonella Di Maggio
Ufficio Stampa
Comune di Palermo