L’Internazionale Mafiosa

L’Internazionale Mafiosa

- martedì 07 Gennaio 2020 - 07:32
L’Internazionale Mafiosa

Giovedì 9 gennaio alle ore 17:30, a Spazio Cultura Libreria Macaione, incontro con Enrico Somma, autore del libro L'Internazionale Mafiosa, un pamphlet che racconta la mafia come nessuno ha mai osato fare...


L’Internazionale Mafiosa. Presentazione e dibattito sul romanzo giornalistico di Enrico Somma
Giovedì 9 gennaio alle ore 17:30, a Spazio Cultura Libreria Macaione, incontro con Enrico Somma, autore del libro L’Internazionale Mafiosa. Si tratta di un pamphlet che racconta la mafia come nessuno ha mai osato fare.
Saranno presenti per un dialogo con l’autore: Adriano Peritore e Filippo Giacalone. A moderare l’incontro sarà Ignazio Coppola. Seguirà un dibattito sui temi trattati nel libro aperto al pubblico presente.
Al termine, Enrico Somma dedicherà un momento in memoria dei giudici Falcone e Borsellino.

Altri romanzi di Enrico Somma

Oltre al romanzo L’Internazionale Mafiosa, Enrico Somma è il “giornalista senza giacca e cravatta” (autore dei pamphlet “Potrebbe Il Csm…?” e “I tabù delle mafie”, Europa Edizioni, Roma 2016).
Questo ultimo, redarguito dal Gip che s’inventò una legge inesistente, ordinandone il rinvio a giudizio (diffamazione d’una parente del “ministro degli appalti della mafia”).
Tutto ciò, in contrasto con tre richieste della Procura di Caselli e Grasso, che ne chiese il proscioglimento su un “articolo veridico in ogni sua parte (…)”, d’indubbio pubblico interesse della notizia (pm Recchione con controfirma di Pignatone).

Ulteriore accanimento

Seguirono: 1) proscioglimento (Gup Morosini, che avrebbe fatto scattare il reato di calunnia per la parente dell’“ex ministro”) e dichiarazioni d’un magistrato ex assistente universitario del prof., avvocato dell’“ex ministro” (che con Orlando attaccò Falcone alla vigilia delle stragi), nonché collega d’un “cugino” dell’“ex ministro” (ricalcate dal maestro).
2) Il processo con assoluzione (giudice Tricoli).
3) e 4) denunce al CSM e alla Procura, dove intanto il “cugino” saliva al vertice. In tutto ciò, restando al suo posto nel procedimento in cui Somma fu Parte Offesa. Inoltre, documentando pure la solidarietà del presidente dell’Ordine Giornalisti Sicilia, Bent Parodi, di sindacati giornalisti e addirittura di presidenti di Commissione Antimafia (onn. Lumia e Forgione) prima e dopo l’assoluzione.