Mainenti: “Dal mare il plastico per le stragi di mafia degli anni ’90”

Mainenti: “Dal mare il plastico per le stragi di mafia degli anni ’90”

- giovedì 08 Luglio 2021 - 16:33

Secondo la professoressa Mainenti (che vediamo nella foto di copertina), non è più rinviabile l'adozione di un efficace sistema di controllo che sia dotato di sanzioni efficaci.

“A pochi giorni dalla commemorazione della strage di via D’Amelio, in cui venne ucciso dalla mafia il giudice Paolo Borsellino con la sua scorta, pesano come macigni le parole del Capo dello Stato, per bocca del vicepresidente Ermini, che esprime solidarietà per la notizia (trapelata dalla detenzione di un boss ‘ndranghetista) secondo cui sarebbe pronto il plastico per assassinare in un attentato il magistrato Nino Di Matteo”.
È quanto afferma Daniela Mainenti, docente di Diritto processuale penale comparato ed esperta di lotta alla pesca illegale.

Le stragi degli anni ’90

“Vale la pena ricordare – continua la Mainenti – che il filo che lega gli attentati di mafia degli anni ’90  era costituito da  esplosivo recuperato da un pescatore di Porticello,  e fornito alla mafia,  per tutte le stragi del 1992, 1993 e 1994: quella di Capaci, quella di via D’Amelio, quelle di Roma, Firenze e Milano. Si tratta di bombe di profondità lanciate dagli aerei contro i sottomarini nella seconda guerra mondiale. Queste bombe giacevano sul fondo del mare e si incastravano nelle reti di pesca a strascico dei pescatori. Spesso piccole quantità di esplosivo venivano utilizzate proprio per la stessa pesca”.

Una pesca…esplosiva

È anche dal mare, dunque, che la mafia (o la ‘ndrangheta), come appare anche in queste non tanto velate minacce per Di Matteo, trae materiale da usare negli attentati – sottolinea la Mainenti-. Ciò prova lo stretto controllo che la criminalità organizzata esercita sugli spazi marini e costieri, sulle molteplici attività economiche ad essi connessi, inclusa quella peschiera e sulla sua intera filiera logistica”.
Bisognerebbe mettere in piedi un efficace sistema di controllo per contrastare la pericolosità delle condotte criminali sull’intera filiera commerciale e riformare un sistema sanzionatorio, nei fatti, inefficace. Tutto ciò rischia di mettere a repentaglio, oltre la sicurezza per i casi estremi menzionati, la non meno importante  salute del consumatore – conclude la Mainenti -, oltre a consentire un’ampia attività di riciclaggio grazie a passaggi societari e cessioni di quote nella ristorazione, evidenziati in misura massiccia durante la pandemia”.